CORSI E WORKSHOP

Un anno di grandissime novità tra corsi e nuovi workshop!

Da luglio 2017 sono il responsabile di corsi e spettacoli della scuola di avviamento al Match® e improvvisazione di Bergamo per la Compagnia Nazionale d’Improvvisazione.

Per la stagione 2017/2018 sarò docente a Bergamo (1°anno), Brescia (Amatori – Progetto: “Il giusto tempo”), Verona (3° anno – Progetto: “Bravi nel breve) e curerò un progetto indipendente per improvvisatori dal 3° anno (“L’attore che improvvisa”).

Per la stagione 2018/2019 sarò docente a Bergamo (1°anno), Brescia (Amatori – Progetto: “Oltre la realtà”), Verona (3° anno – Progetto: “Easy, un viaggio facile facile nelle improvvisazioni lunghe”) e Vimercate (per improvvisatori dal 3° anno – Progetto “C’è metodo e metodo”, proseguimento naturale del percorso precedente “L’attore che improvvisa”).

E poi ci sono i workshop. Questi sono i progetti realizzati in Italia, alcuni dei quali sono il frutto di un lavoro di ricerca al termine di percorsi annuali. Si rivolgono a scuole, compagnie, associazioni, aziende e sono per improvvisatori, attori ma anche professionisti o semplici curiosi. Perché l’improvvisazione è patrimonio di tutti e strumento fondamentale per tutti! Per informazioni, disponibilità e costi scrivimi qui.

 

E ADESSO? CHE FACCIO?

“Ero preparatissimo. Poi, a un certo punto, il vuoto. Non mi ricordavo più nulla. E non sapevo come diavolo fare per andare avanti e uscire da quella situazione.” È capitato a tutti e non solo durante uno spettacolo. Cosa faccio? La risposta è proprio lì davanti a te, devi solo imparare a usarla. Attraverso le tecniche dell’improvvisazione teatrale capiremo come

-gestire le emozioni

-trovare la soluzione nell’ errore

-attivare il meccanismo di azione/reazione

-godere di un fallimento

-fare anche quando non sai cosa fare

Il percorso si rivolge a tutti coloro che, per lavoro o semplice passione, potrebbero trovarsi in questa situazione. Attori, professionisti, manager, venditori, clown di corsia, insegnanti, pensionati, impiegati, ballerini, studenti… insomma: tutti!

L’ALTRO GIRO D’ITALIA

È possibile imparare un dialetto e portarlo in scena? Costruire un personaggio geograficamente lontano dall’attore ed essere credibile? La risposta è si! Con un metodo che tare spunto e ispirazione dalle tecniche del canto, di natura imitativa, scopriremo come far suonare le nostre parole esattamente come un dialetto. Tecniche, poche regole, messa in pratica passo dopo passo di tutto ciò che viene spiegato, sviluppo dell’ascolto e un divertimento che non ti aspetteresti mai. È una questione di musicalità, accordiamoci insieme come se fossimo un grande strumento. Oh, s’intende: mica bisogna essere intonati o saper cantare! Il tutto seguendo la regola base dell’improvvisazione: impara a fare meno (e meglio).

Il workshop si rivolge a improvvisatori e attori, di qualsiasi livello, che vogliano imparare o approfondire la capacità di caratterizzare i personaggi con un uso corretto, coerente e credibile dei dialetti. E finalmente anche tu potrai dire: uè pheega, pöta, uànema, auand’, cumpà, sgrìsole, abbarau… E non è una bazza!

    NEW!    DUO – Workshop sull’improvvisazione in coppia

Quali sono gli ingredienti di un duo di improvvisazione teatrale?
I Blah Blah hanno due risposte a questa domanda.
Per Elena sono soprattutto conoscersi e capire cosa ispira l’altro, prendersi cura.
Per Roberto guardare con gli occhi dell’altro e giocare insieme anche a stuzzicarsi.

Dall’esperienza di #BIVIO, #PAGINARIUM (nelle due versioni: Night e Vietato ai maggiori), #AZIENDARIUM, nasce l’idea di condividere e mettere a disposizione il lavoro fatto. Come nasce un duo? Perché nasce? Di cos abbiamo bisogno?Questo workshop ha come obiettivo quello di offrire, a coppie di improvvisatori che vogliono creare uno spettacolo insieme, la possibilità di studiare le tecniche per facilitare il lavoro di palco in coppia, con esercizi di allenamento specifici e sperimentando format esistenti.
In particolare, valorizzando la presenza di due punti di vista e due esperienze diverse, si svilupperà un percorso sulla conoscenza reciproca dei compagni di palco, proponendo modi di guardarsi nuovi, proposte per mettersi in difficoltà reciprocamente, esplorando anche situazioni scomode.

THE LONG WALK

Perché sembra così difficile passare da una scena breve a una con più ampio respiro?C’è davvero differenza tra long e short? Si improvvisa in modo diverso? Le difficoltà sono le stesse? Credimi: in realtà è tutto molto più semplice di quanto non sembri. Basta sapere come muoversi!

In questo workshop faremo i primi, coraggiosi, passi verso le improvvisazioni lunghe (e ne trarremo profitto anche in quelle brevi). Nessun dogma e tanti punti di vista, una mano tesa in qualche momento e l’emozione di camminare da soli per il resto del tempo, la gioia di commettere un errore, la libertà e il piacere di cadere e rialzarsi tutte le volte che vogliamo. Come? In quattro (metaforici) passi.

EASY – UN VIAGGIO FACILE NELLE IMPROVVISAZIONI LUNGHE 

EASY è un percorso annuale, evoluzione naturale del workshop THE LONG WALK.

Per chi non ha ancora approcciato alla long form, il percorso fornirà gli strumenti fondamentali per fare i primi passi anche in quella direzione e approfondire lo storytelling anche a uso delle short form.

Per chi ha già approcciato a questo genere di improvvisazione, il percorso fornirà nuovi punti di vista e tecniche, un perfezionamento di quanto già appreso e ulteriori strumenti da applicare nella short form (incredibile ma vero).

8 MM – 16 MM – 35 MM

Tre workshop su cinema, drammaturgia e l’improvvisazione. È possibile riprodurre tecniche ed effetti cinematografici? Un vero piano sequenza, campo e contro campo, un bullet time credibile… ? Com’è fatto un film? Come posso portare in scena un genere o uno stile cinematografico? Che cosa caratterizza un film di Almodovar, Kubrick, Spielberg o Vanzina? Tecnica, strumenti e consigli per poter sentire il profumo di triacetato di cellulosa anche in una scena improvvisata.

INNAMORAMI DI TE (con Elena Lah)

Le emozioni devono nascere, crescere, vivere e cambiare in scena. Devono essere vere e credibili in ogni aspetto: in una parola, in uno sguardo, in un bacio, in un sorriso, in una stretta di mano. Spesso ci nascondiamo dietro la parodia delle nostre emozioni, creiamo una macchietta a cui imponiamo di vivere l’emotività al posto nostro.

Il percorso porterà a vivere con coraggio le emozioni in scena, ad affrontare e a viverle con serenità. Scoprendo che la rabbia può essere solo un sopracciglio alzato e l’amore il movimento degli occhi. E che non c’è nulla di male nel baciare qualcun* in scena.

Perché il personaggio può vergognarsi, ma l’attore no.

OLTRE LA REALTÁ – new-

È un percorso annuale che si rivolge a improvvisatori esperti, mirato alla messa in scena di un format originale.

Come affrontare la long form da una nuova prospettiva, aggiungendo strumenti narrativi importanti e utili anche nel match e nelle short form?

Come lavorare su un diverso modo di narrare, che lasci totalmente spazio alla fantasia, senza vincoli della realtà a noi conosciuta?

Come creare storie che vanno oltre la nostra realtà, imparando a trattare il fantastico come normalità e inserendolo in un contesto realistico?

Semplice: andando OLTRE LA REALTÁ. Scrivimi per ogni informazione.

BRAVI NEL BREVE

Fai, agisci, divertiti e non pensare. E otterrai un piccolo lavoro.

Tecnica, gioco e divertimento per scoprire come costruire una struttura drammaturgia solida anche in un’improvvisazione molto breve. E come, in breve tempo, è possibile cambiare il destino di una storia.

Come costruire una piattaforma credibile in pochi secondi, come sviluppare una storia più velocemente di un caffè, cosa fare quando “aiuto! la storia non funziona!”, come divertirsi sempre e comunque.

IL GIUSTO TEMPO

Un percorso annuale per gruppi di improvvisatori con almeno tre anni di esperienza, mirato alla messa in scena di uno spettacolo di long form. Il programma si adatta di volta in volta al gruppo a cui si rivolge, senza snaturarne i fini didattici e formativi.

E’ volto a spiegare che cos’è una long form narrativa e come arrivare a possederne gli strumenti fondamentali, come partire da una semplice idea e costruirci la drammaturgia necessaria per realizzarne uno spettacolo, fino ad arrivare alla messa in scena di uno spettacolo-saggio.

Da questo progetto nasce il format TR3IN.

Scrivimi per qualsiasi informazione.

COME COMINCIO

Sindrome da foglio bianco, eh?

Quante volte capita di entrare in scena e… panico. E ora? Come comincio? Quante possibilità ci sono per iniziare una storia? Il workshop porta a scoprire nuove idee, punti di vista e tecniche che diventeranno strumenti fondamentali nel bagaglio dell’improvvisatore. Per avere la tranquillità di andare in scena senza sapere assolutamente nulla ma sapere alla perfezione come cominciare.

L’ATTORE CHE IMPROVVISA

“Se non sei un attore non potrai mai essere un bravo improvvisatore.” Cosi come l’attore deve conoscere le tecniche di improvvisazione, anche l’improvvisatore deve fare sue le tecniche attoriali. Si, ma come?

L’idea nasce da una critica che a volte viene mossa agli improvvisatori: “Sono bravi ma mancano di capacità attoriale”. Il modulo si rivolge principalmente a improvvisatori con almeno due anni di esperienza, che non hanno competenze o studi di recitazione alle spalle.

Attraverso un approccio esperienziale e una didattica studiata appositamente per gli improvvisatori, il workshop permette di scoprire e sperimentare, per rendere tutto più semplice e vicino all’approccio improvvisativo. Niente lunghi e noiosi discorsi sulle filosofie di recitazione i ma giochi ed esercizi per scoprire nuovi strumenti da mettere nel bagaglio dell’(improvvis)attore.

L’improvvisatore non verrà mai messo davanti a diktat su cosa è giusto e cosa è sbagliato. Si troverà a sperimentare su sé stesso la forza del poter scegliereSenza però rendere tutto artefatto e, di fatto, snaturare la forza dell’improvvisatore.

Perché l’improvvisatore è anche un attore

IL BIANCO E IL NERO

Bianco come la teatralità, la capacità attoriale, i tempi lunghi, la scrittura e la regia dell’improvvisazione.

Nero come la velocità, la comicità fulminante, i games, il rischio e lo spiazzamento.

Spesso l’improvvisatore sceglie sempre lo stesso colore. Ma, in scena, è importante sapersi muovere in ogni sfumatura, come un abile pittore in grado di mescolare a suo piacimento i colori.

Cinque appuntamenti, cinque mini corsi per scoprire le diverse sfumature di colore dell’improvvisazione:

“Solo in scena” – assaporare il piacere di essere da soli, senza paura

“Fast & Curious vol.I” – gioca veloce, gioca consapevolmente

“La regia e il regista” – guardare l’improvvisazione con occhi diversi

“Fast & Curious vol.II” – gioca con tanti, gioca con tutti

“Non c’è niente da ridere” – la bellezza dell’essere seri